La banalità dell’orribile

Una donna accasciata sui binari, appena investita da un treno. E un giovane che si scatta un selfie mentre, dietro di lui, i volontari del 118 stanno soccorrendo la donna ferita. È accaduto nei giorni scorsi alla stazione di Piacenza; a documentarlo è stato il giornalista Giorgio Lambri, con una foto pubblicata dal quotidiano Libertà che poi ha fatto il giro d’Italia.

La banalità dell'orribile

Che l’umanità sia probabilmente arrivata al capolinea ce lo potrebbero dimostrare fatti e immagini di una gravità inaudita in un mondo dove la sofferenza, la disperazione e la miseria sono pane quotidiano per milioni di persone. Un mondo in cui con la fantastica tecnologia che abbiamo potremmo vivere tutti  in pace, sereni, in maniera dignitosa, avendo il giusto da mangiare, un riparo.

Invece, stranamente, tutta questa fantastica tecnologia non ci aiuta in questo senso. Non fa quello che sarebbe il primo compito delle invenzioni, migliorare le condizioni di vita di tutti, nessuno escluso. Si usa la tecnologia per cose contrarie a questi proponimenti e la si spreca in cose banali, assurde, spesso orribili, l’importante è guadagnarci, non importa come. Siamo bombardati di immagini tragiche che decretano la crisi dell’umanità,  tanto è strapieno il mondo di testimonianze di follia assoluta, eppure ce ne sono alcune che nella loro orribile semplicità indicano che si è perso qualsiasi senso e pietà.

Nell’irreale dove  conta solo mostrare e mostrarsi, ogni cosa diventa pretesto per apparire, per documentare qualcosa di singolare, di particolare e aumentare i consensi, le amicizie e così di fronte al dramma di una donna investita da un treno un giovane si ritrae con un selfie con lo sfondo della tragedia. È la virtualità, dove la percezione della realtà non è più tale e anestetizza tutto; questa, mista alla stupidità, sta facendo ottundere ogni senso, ogni pietà, ogni ragione. Come dice giustamente l’amico Valerio Pignatta, la nostra società non è più nemmeno quella liquida di Baumann, che in fondo qualche forma ce l’aveva; la nostra società è vaporizzata, non è più nulla, è zero, niente, stramorta, disintegrata in un selfie di una dramma, così come  chi va a fare turismo nei luoghi di tragedia. Siamo arrivati al limite, oltre questo non c’è più niente.

Forse la natura ci sta spazzando via anche per questo motivo; che senso ha l’esistenza laddove non c’è nessuna pietà, nessuna percezione, nessuna umanità. E probabilmente anche cercando di spiegare al ragazzo l’abisso del suo gesto, non capirebbe, si difenderebbe, penserebbe che non ha fatto nulla di male. Del resto ha ragione lui: la rete ospita cose ben peggiori, in tanti gioiscono e sorridono delle disgrazie altrui, insultano, distruggono esistenze, portano addirittura al suicidio le persone. Persone vittime della ferocia dell’uomo, l’unica vera bestia nel mondo animale.

Povero ragazzo.

http://www.ilcambiamento.it//articoli/la-banalita-dell-orribile

Annunci