La peste bianca

Ah, le donne…

La donna, inutile nasconderselo, è centrale nelle vicende di natalità: un tempo, anzi, la sua vita era centrata proprio sulla riproduzione, almeno fino alla Prima Guerra Mondiale. Poi, ci fu il cambiamento: le donne, forzatamente, entrarono nell’apparato produttivo…e non ne uscirono più!

D’altro canto, la donna di fine ‘800 aveva desideri, aspettative, programmi, sogni…che non sono nemmeno paragonabili a quelli odierni, dove apprezza l’indipendenza che la società moderna le consente mentre, a fine ‘800, non poteva nemmeno ereditare, bensì solo consegnare la propria dote al marito.

Oggi, se vuole, può placare la sua ansia di figli semplicemente, con un figlio generato da un rapporto qualunque (magari anche d’amore, poi concluso) mentre gli anticoncezionali la metteranno al sicuro da gravidanze indesiderate.

D’altro canto, oggi, non penso che si possa (e si desideri) riportarle – per editto – a quella condizione: eppure, qualcosa bisognerà fare. Ma dovrà essere un “fare” che riguarda la società nel suo insieme, non certo le sole donne. Perché anche le donne, pur emancipate e liberate da una sudditanza incongrua, non sono affatto contente!

estratto da http://carlobertani.blogspot.com/2019/07/la-peste-bianca.html

Un pensiero su “La peste bianca

  1. Quello che negli anni ’60 si era capito e che adesso si è dimenticato è che non esistono problemi individuali, nel senso che sono per la maggior parte riconducibili al contesto sociale e da esso indotti.
    Per fare un esempio, alla fine del 1962 una inchiesta doxa “accerta” che il matrimonio costituisce la più importante aspirazione della vita per 82 donne italiane su 100, il che significa fissare una “norma” che automaticamente crea sensi di colpa o di inferiorità in chi non riesce a raggiungere questo obiettivo (a qualsiasi costo) o, più semplicemente, fa parte del restante 18% (che comunque è una percentuale abbastanza elevata).
    Le esigenze economiche però richiedono che la donna partecipi al processo di “sviluppo” con la sua forza lavoro ed ecco che “casualmente” in Francia Simone de Beauvoir pubblica “Il secondo sesso” e a New York una giornalista e moglie di un pubblicitario (particolare non insignificante) di 41 anni e madre di tre figli Betty Friedan pubblichi “La mistica della femminilità” nella primavera del 1963.
    In essa la Friedan lamenta la condizione di “mantenuta” della casalinga americana (solo quella WASP però) che non permette alla donna di realizzarsi pienamente.
    Nel libro però c’è anche un dato rivelatore: a parità di mansioni, i salari della donna erano del 40% inferiori a quelli dell’uomo.
    Cosa succederà infatti quando qualche decina d’anni dopo la massa delle donne diventerà consistente sul mercato del lavoro?
    Semplice e noi posteri lo sappiamo: i salari dell’uomo si sono abbassati del 40% e più e così, dove prima bastava uno a mantenere la famiglia, adesso servono due persone e lavoro straordinario o in nero per pagare i servizi necessari a fare quello che prima faceva la “povera casalinga”.
    https://anni60storia.wordpress.com/2009/05/28/femminilita/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.