Attenti al panurgo che c’è in voi

di qui la frase i montoni di Panurgo (les moutons de Panurge), passata proverbialmente a indicare la pecoresca mentalità delle folle.

Il simplicissimus

depositphotos_13296145-stock-photo-panurge-sheepsOggi voglio tentare un’idea disperata: introdurre l’uso di una parola non inglese in questo italiano disarticolato, primitivista e allo stesso tempo barocco grazie all’opera della Rai che dopo essersi venduta i congiuntivi per fare populismo e audience,  si è dedicata alle più scialbe ridondanze tipo giovane ragazza o locuzioni inutili come” quello che è” una certa cosa. Bene mi piacerebbe che venissero accolte le parole panurgismo e panurgo, entrate nel francese, nello spagnolo e nel portoghese sulla scia della saga rabelesiana di Gargatua e Pantagruel. Da noi quella straordinaria serie romanzi ha lasciato solo l’aggettivo pantagruelico, ma sarebbe quanto mai opportuno cominciare ad usare i nuovi lemmi, derivati dal personaggio di Panurge,  essendo straordinariamente utili a descrivere la realtà, anche se non proprio bellissime. Nelle altre lingue citate l’aggettivo e il sostantivo hanno ormai cinque secoli e si sono fossilizzati in Francia col significato di spirito gregario, di “pecorismo” se…

View original post 523 altre parole

Un pensiero su “Attenti al panurgo che c’è in voi

  1. Resta una considerazione: abbattere le statue, o, in questo caso, lordarle, sembra diventato lo sport preferito di nuove generazioni sempre più sprovviste di cultura storica e sempre più appiattite nell’eterno presente del web. Si abbattono le statue degli eroi della guerra di Secessione, dei colonizzatori del Nuovo Mondo, e dello stesso Colombo, che il Nuovo Mondo non avrebbe nemmeno voluto scoprirlo, perché voleva solo arrivare alle Indie, e che invece viene additato a responsabile di un “genocidio” in realtà dovuto soprattutto alla diffusione del virus del vaiolo fra popolazioni sprovviste di anticorpi. Ma anche i padri degli Stati Uniti, che spesso erano proprietari di schiavi, rischiano la damnatio memoriae ad opera di una diffusa cultura del risentimento. Si pretende di giudicare il passato con i parametri del presente, commettendo su scala planetaria lo stesso errore compiuto dal buon Manzoni, quando parlando della carestia a Milano rimproverava ai governanti spagnoli che calmieravano il prezzo del pane… di non avere letto Adam Smith. Da maestra di vita, la storia si degrada così a una zelante istitutrice, pronta a far la spia di comportamenti politicamente scorretti risalenti a decenni o secoli prima. Ma in questo modo il suo significato e la sua funzione si ribaltano: se prima si studiava il passato per interpretare meglio il presente, oggi alla luce di giudizi e pregiudizi del presente si pretende di giudicare il passato.
    http://www.barbadillo.it/81186-il-caso-dopo-il-piombo-delle-br-una-nuova-ferita-per-indro-montanelli/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.