Silenzi

di Roberto Pecchioli *

Ma poi, perché i più giovani dovrebbero discutere con le generazioni più anziane ? L’orientamento comune, accettato per ripetizione coattiva, è che le idee nuove sono sempre migliori di quelle vecchie, esattamente come le merci.(sottolineatura nostra)

Non è così, non può esserlo. Il silenzio delle generazioni non è solo il solipsismo di chi vive la vita con le cuffie dell’I-Phone, scambia la vita con l’acquisto, gioisce dei “mi piace” sui post di Facebook o del volo a basso costo che è riuscito a prenotare online, o, per converso, quello di chi crede di aver esaurito i propri compiti con il mantenimento economico dei figli e con i sì pronunciati dinanzi ad ogni richiesta .

I giovani hanno anche bisogno di maestri, modelli, persino di eroi, e devono essere persone che riconoscono, in cui possono identificarsi. Ben triste è stato l’esito della famosa e fortunatissima frase di Bertolt Brecht “Fortunato quel popolo che non ha bisogno di eroi”. Esauriti i modelli, screditati gli eroi, resta il vuoto, il silenzio di chi non domanda più anche perché sa che non avrà risposte .

Non è troppo diverso il surreale mutismo ipermoderno che Antonioni aveva sublimato nelle inquadrature straniate e nelle interminabili, snervanti sequenze dei suoi film.

La fotografia in Antonioni from fuori quadro on Vimeo.

*estratto da http://www.maurizioblondet.it/silenzio-le-generazioni-lautismo-ipermoderno/

Annunci

2 thoughts on “Silenzi

  1. L’esclusività dell’eterno presente è sancita anche dalla uscita dal mercato dei video registratori (non solo VHS, ma anche DVD); per non parlare dei continui aggiornamenti dei sistemi operativi che ti obbligano alla rottamazione del software acquistato a suo tempo.

  2. Un effetto collaterale particolarmente spiacevole è la inutilità della scuola ai fini della trasmissione del sapere: ai docenti rimane solo il difficile compito di inventarsi nuovi sistemi di in-trattenimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...