Reductio ad angelum

Maria Elena Boschi al maggio musicale fiorentino

Arriviamo al punto. Il fatto che ad occupare l’incarico di ministro delle Riforme sia Maria Elena Boschi non è un caso. Viso angelico, sguardo penetrante, occhi di ghiaccio, lineamenti piccoli, grande femminilità. La svolta autoritaria della democrazia parlamentare italiana poteva passare soltanto attraverso di lei. Immaginatevi se al posto della sua firma ci fosse stata quella di un ministro uomo, virile, imponente, con una certa statura politica. La riforma costituzionale avrebbe preso una connotazione autoritaria e la reductio ad hitlerum (tattica oratoria mirante a discreditare un discorso o un soggetto paragonandolo banalmente ad Adolf Hitler) sarebbe stata sulla bocca di tutti. Con il ministro Boschi invece si è riprodotto un processo inverso: la reductio ad angelum. E non è un caso infatti che anche i telegiornali vedono sempre più presentatrici che presentatori. Il motivo non è l’emancipazione della donna nel mondo del lavoro, sia chiaro. In realtà, le brutte notizie (crisi, disoccupazione, povertà, guerra, morti, insicurezza), vengono digerite meglio dall’opinione pubblica se ad annunciarle è una voce femminile.

Sebastiano Caputo

estratto da http://www.lintellettualedissidente.it/reductio-ad-angelum/

Il titolo è tanto più calzante se si tiene conto delle origini democristiane della famiglia (Arezzo era fanfaniana) e del fatto che la Boschi ricorda: «Sono stata la prima chierichetta femmina nella storia della parrocchia dei santi Ippolito e Cassiano. Pensa tu che record! E sono stata catechista per cinque anni». Ha inoltre partecipato a due giornate mondiali della gioventù wojtyliane [4]

Annunci

3 thoughts on “Reductio ad angelum

  1. Il corpo come strumento di seduzione non è più in contraddizione con l’emancipazione delle donne, ma quello che dovrebbe tuttora infastidire le donne stesse è il fatto che la loro bellezza esteriore possa diventare il classico valore aggiunto di cui i potenti di turno si avvalgono per i loro fini. Sembra ormai evidente, ed anche ben tollerato dalla stragrande maggioranza dell’ opinione pubblica, che a determinare il successo di un politico non sia tanto il suo programma di governo (spesso non viene neppure chiaramente dichiarato prima delle elezioni), quanto la sua capacità comunicativa che si avvale del consenso quasi unanime dei mezzi di informazione. A fargli da controcanto, l’eloquio accattivante di qualche graziosa ministra o deputata, alla quale l’italiano medio fa molta fatica a resistere, al punto che gli verrebbe da dire: “con quella bocca può dire ciò che vuole”. Ed è infatti quanto avviene.

  2. Patetica voglia di “ministro con le palle”. Basta saper spiegare con chiarezza perché questa riforma di merda va rifiutata (e l’ha fatto anche una donna: la professoressa Carlassare dell’Università di Padova).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...